Bambino soldato

Non senti più il rumore del tuo fiume. Ritmo ossessivo che penetrava nelle orecchie, negli occhi della tua infanzia in fumo.

Non t’appartiene più il sibilo del vento, ma un triste lamento di chi è soldato in una landa deserta. Da sempre c’è guerra in questa terra imprigionata da una tenaglia di ferro.

Occhi neri d’odio, rabbia, fame e terrore. La paura ti cammina al fianco con il suo odore che diventa più pungente al calare del sole.

Gli spettri ti addentano arcigni perchè sei un bambino.  Temi nell’accendere un cerino di rabbia mentre ingoi fumo  lacrime e sabbia.

Piccola carne da cannone vivi senza torto o ragione. Sei schiavo, scovato, infiltrato, violato nella parte sbagliata del mondo.

Chi arruola l’infanzia infila a Dio una lancia nel cuore. Nell’afrore dell’odio bimbo arruolato; per essere ferito, ammazzato o carnefice senza divisa soldato.

In una violenza di chi ha visto negli occhi la morte e ti ha aggiunto alla corte di chi  si regala alla sorte.

il tuo bottino di guerra è il sangue da vendicare di chi prima di te è caduto a terra. Rubato al villaggio, venduto con false promesse, a chi senza coraggio ti ha reso un bambino soldato che uccidi.

Braccia non ti hanno mai stretto ma  maledetto in  una cresima di lacrime, odio e fiele a una causa fedele mentre il tuo cuore di bambino dovrebbe soltanto giocare.

ANCORA OGGI 250 MILA BAMBINI VENGONO UTILIZZATI COME FORZE ARMATE IN GRUPPI REGOLARI E IRREGOLARI . VENGONO USATI COME COMBATTENTI, CUOCHI, MESSAGGERI.

unicef bambino soldato

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *